Scrittrice e Ingegnere, Veronica Galletta: “Penso sempre a delle storie” | Intervista

Ingegnere e Scrittrice: le sue biografie, sparse per il web, “titolano” così l’identità di Veronica Galletta, finalista, con «Le isole di Norman», della XXVIII Edizione del Premio Italo Calvino. Vista da qui, dal Pianeta di AstrOccupati, Veronica è moltiplicazione liquida, complessa e soprattutto trasversale: apolide, donna, scrittrice, ingegnere, mamma, lettrice, bambina, compagna, amica, cercatrice solitaria di Storie, Luoghi, Personaggi, Odori, Frasi, Vite invisibili. Che cosa racconta Veronica Galletta di Veronica? L’Intervista di AstrOccupati preceduta da una riflessione su che cosa vuol dire, oggi, il “mestiere di scrivere”


Continua a leggere

Annunci

Almaviva, Roma. “Mi chiamo Marco Papa, sono uno dei 1666 licenziati” | Intervista

Marco Papa è uno dei 1666 licenziati della sede romana di Almaviva, dove ha lavorato per oltre 16 anni, prima come Operatore e poi come Team Leader. Tenace e coraggioso, scrive d’impeto ad AstrOccupati per far risuonare la sua voce e quella di chi, come lui, deve affrontare le conseguenze di uno stato di disoccupazione che, per il coinvolgimento di Governo e Sindacati, disegna una pagina nera del nostro Paese:  l’Intervista a Marco Papa, preceduta da una riflessione di AstrOccupati


Continua a leggere

Content Marketer, Ludovica De Luca: il lucido candore di chi nuota | Intervista

Web Writer e Blogger fra le più tenaci. Si slancia con “valore” e sensibilità nel mondo di quei freelance contemporanei che si sono costruiti una professione senza aver mai inviato un curriculum. AstrOccupati intervista Ludovica De Luca


Continua a leggere

Digital Consultant, Federico Citi: progettare dentro il cambiamento | Intervista

Tempo fa si definiva un “Web Designer”. Oggi, dopo anni di esperienze e studio, si presenta come un Consulente di web marketing, guida essenziale per le aziende che hanno necessità di sbarcare nel “digital” ma non sanno “come”. Poliedrico, grande comunicatore, aperto al sorriso, ai cambiamenti e alla produzione di progetti creativi e performanti, come l’ultimo: Webtales. AstrOccupati intervista Federico Citi


Continua a leggere

Lingue, Bioingegneria e Web Writing: la valigia creativa di Andrea Torti | Intervista

Anima la generazione dei lavoratori “postmoderni”, quelli che annusano le nuove tendenze del lavoro e si reinventano studiando continuamente, dappertutto. Una nuova utopia del Lavoro. Il risultato? Sguardo e passo nel “Presente”, e una valigia creativa di competenze, aperta e in continuo mutamento. AstrOccupati intervista Andrea Torti 


Continua a leggere

Scrittore, Alberto Fumagalli: la luce viva dei vagabondi | Intervista

Anima la generazione di narratori contemporanei che lavorano dappertutto, non si arrendono, scrivono. Parla del mondo del precariato di oggi e urla storie vere fatte di carne e disperazione, solitudine e coraggio. AstrOccupati intervista Alberto Fumagalli  


Continua a leggere

HR Specialist, Sara Bombardini: il fervore | Intervista

Sara, HR Specialist, area tecnica Sviluppo, Progettazione e Formazione. Basta un sogno? Non basta. Mentre lavora con passione, Sara fa anche la Blogger e, come se non bastasse, coltiva un altro grande progetto per il futuro. L’Intervista di AstrOccupati a Sara Bombardini


Continua a leggere

Insegnare italiano al’estero: Adele Sanna, tenacia e tenerezza | Intervista

Tenace, coraggiosa, sensibile, Adele. Fuori dai confini del “bel Paese”, fa il mestiere più difficile del mondo, anzi due, e ha idee molto chiare su come dovrebbe essere la scuola e su come andrebbero coltivati i “talenti”. Oggi, AstrOccupati è su di giri: intervista ad Adele Sanna


La mia storia vera inizia con una valigia enorme, io che avevo diciotto anni, e il chiaro segnale che, di quello che stavo facendo, non avevo capito niente. Dentro di me, lei, dormiva.
Protetta dai capelli rasati a zero, un rossetto marrone scuro, vestiti neri e un senso di abissale inadeguatezza, la piccola incasinata ragazza che sarei diventata un paio di anni più in là, aveva le ginocchia piegate, riposava.
Mi attendevano i libri e le domande enormi, i corridoi fumosi della Facoltà di Filosofia, i pantaloni larghi e gli occhi spalancati, le feste con gli amici, il teatro, centomila caffè dopo pastaconlamaioneseewhiskeyallequattrodinotte. Poi le passeggiate solitarie in compagnia di certi pensieri lunghi, certe annodate sigarette. Mi attendevano nottate in bianco a parlare della vita, di progetti, storie, letteratura, mi attendeva la nuova casa, le nuove amiche, quelle che non si dimenticano, il mio “per sempre” assoluto. Tra loro, Adele. Continua a leggere